Gli speciali de Il Nuovo Calcio - Master Prime Squadre
La relazione dell’allenatore in seconda della Nazionale Femminile, per il secondo anno consecutivo al nostro Master. Il mutamento delle peculiarità dei calciatori in relazione alla zona di campo occupata. Diverse proposte pratiche.

Leggi tutto...

Tattica
Una doppia analisi sui benefici delle partenze del gioco dai difensori centrali e dell’esecuzione di duelli 1>1, fatta su 21 partite della massima serie italiana. Cosa è emerso dallo studio dei numeri.

Leggi tutto...

Approfondimento precampionato

Una metodologia che spiega come organizzare più soluzioni in fase d’attacco sulle palle ferme con poco tempo a disposizione: ideale per tutte quelle squadre che si allenano due o tre volte a settimana.

Leggi tutto...

La relazione di Fabio Gallo è incentrata su come lavorare essenzialmente con il pallone per allenare gli aspetti tecnici, tattici, fisici e mentali. Alcune esercitazioni da collocare nei vari giorni della settimana.

Leggi tutto...

Gli Speciali de Il Nuovo Calcio - Master Prime Squadre
L’intervento al nostro incontro di aggiornamento di mister Zenga, che ha espresso il suo metodo di lavoro, analizzando il ruolo dell’allenatore a 360°. Alcune proposte pratiche e il ritiro pre-campionato.

L’analisi della metodologia di lavoro di Walter Zenga, indimenticabile numero uno dell’Inter e della Nazionale, allenatore Uefa Pro, nella stagione 2017-18 al Crotone, parte dalle differenze riscontrate nei vari paesi dove ha allenato (un giramondo il tecnico milanese), con un focus sulle diversità che vi sono fra Italia e Inghilterra.

Leggi tutto...

Approfondimento precampionato
L’utilizzo delle scale di valutazione, Borg e Hooper, per verificare lo stato di fitness del giocatore e dell’intera squadra. I comportamenti da adottare.

Nel calcio moderno è di fondamentale importanza conoscere come ci si sta allenando e il grado di condizione fisica dei proprio uomini, sia in termini individuali sia collettivi.

Leggi tutto...

Quattro articoli dedicati all’inizio stagione, con i campionati dei dilettanti ancora fermi. Giuseppe Zuccarelli si è dedicato all’analisi del 2>2, elemento da insegnare sia negli giovani sia negli adulti. I princìpi di tale situazione e diverse proposte pratiche esemplificative. Sui corner si è espresso, invece, Giovanni Vampa, approfondendo una metodologia che permette di organizzare più soluzioni in fase d’attacco con poco tempo a disposizione: ideale per quelle squadre che si allenano due o tre volte a settimana.

Leggi tutto...

L’analisi tattica sui Mondiali di Russia 2018 di Giovanni Galli, che riprende l’intervento fatto al nostro Master, implementato dagli avvenimenti della fase finale. In primo luogo, la vittoria finale della Francia di Deschamps, capace di leggere le situazioni che si presentavano nel migliore dei modi.

Leggi tutto...

Psicologia
In che modo le emozioni influenzano la nostra capacità di imparare. Come il tecnico può allenare al meglio i giocatori, sollecitando i “punti” giusti e i comportamenti da avere con bambini e adulti.

Leggi tutto...

Speciale precampionato
Quattro esercizi “fondamentali” per allenare in modo funzionale la forza per il calciatore, oltre ad alcune proposte specifiche.

Lo sviluppo delle capacità condizionali verte su un miglioramento degli aspetti neuromuscolari atto a incentivare la capacità di rispondere a stimoli specifici nelle situazioni di gioco che si vengono a creare in una partita.

Leggi tutto...

Speciale precampionato
Come allenare questa qualità in forma specifica e aspecifica. Diverse proposte pratiche differenziate per gli obiettivi da perseguire.

La velocità è la capacità di eseguire degli spostamenti nel più breve tempo possibile. Nel calcio è necessario considerare anche il concetto di accelerazione, ovvero la variazione di velocità nell’unità di tempo. Rappresenta la fase iniziale di uno sprint ed è strettamente correlata al fattore forza (F = m x a). La velocità del calciatore è una capacità importante perché presuppone sia quella di compiere movimenti ciclici e aciclici, con e senza pallone, per migliorare la performance e per prevenire gli infortuni, ma soprattutto perché gli consente di percepire, elaborare e rispondere nel più breve tempo possibile (prima dell’avversario) e in maniera efficace a una determinata situazione di gioco (aspetti cognitivi).

Scopri di più sul numero di luglio: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

Speciale precampionato
Proporre durante la fase d’attivazione esercitazioni che contengono diversi obiettivi è importante per ottimizzare i tempi a disposizione. Alcune proposte pratiche riguardanti una metodologia di lavoro integrata.

La fase d’attivazione è determinante perché serve a portare i giocatori nelle migliori condizioni possibili per sostenere i carichi della seduta. Gli aspetti sui quali concentrarsi sono molteplici. Lo scopo principale è quello di alzare la temperatura del corpo e prepararlo a svolgere al meglio l’allenamento. L’organismo migliora notevolmente la sua funzionalità quando la temperatura sale dalla usuale di 37° al valore ottimale di circa 39°. Raggiunti tali livelli, i processi e le reazioni fisiologiche vengono svolte al massimo grado di efficacia e tutto ciò favorisce la prevenzione degli infortuni muscolari. È fondamentale quindi presentare proposte efficaci, che riescano a raggiungere tale obiettivo in modo graduale e progressivo.

Leggi tutto...

I pareri di cinque allenatori professionisti, che hanno analizzato come strutturare le sedute, in che modo approcciarsi alla squadra e valutare la rosa, oltre agli aspetti su cui insistere maggiormente. La preparazione precampionato non ha come obiettivo solo quello fisico, il dover portare la squadra a buoni livelli atletici in vista dell’inizio del campionato. Ma sono fondamentali gli aspetti tecnico-tattici: l’allenatore deve trasmettere ai giocatori i suoi princìpi e far capire loro le metodologie che verranno utilizzate. Per approfondire questi aspetti, abbiamo intervistato Giovanni Cusatis, Sandro Pochesci, Michele Marcolini, David Sassarini e Antonio Calabro che hanno espresso il loro punto di vista su questa delicata fase della stagione.

Leggi tutto...

L’organizzazione dell’inizio stagione dal punto di vista prettamente calcistico: questo il contenuto dello scritto di Alessandro Recenti. La prima operazione da compiere è quella dell’analisi della rosa a disposizione e l’individuazione del proprio modello di gioco e princìpi da trasmettere al gruppo. Facendo questo, si potrà andare a lavorare con esercitazioni che ricalcano le idee del tecnico e mirano a trasmettere ai giocatori i princìpi, in relazione alle quattro fasi di gioco: offensiva e difensiva, transizione offensiva e difensiva. In base a questi diversi momenti di gare, vengono proposte diverse esercitazioni pratiche, da modulare in base al modello di gioco deciso dal tecnico.

Scopri di più sul numero di luglio: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

La prossima stagione, per club professionistici, partirà tra pochi giorni, quella dei dilettanti tra circa un mese, in base alle categorie di appartenenza. Questo è il mese in cui allenatori e preparatori mettono a punto i lavori da proporre alla squadra in questo periodo, per arrivare pronti alla prima di campionato. Per questo abbiamo preparato questo speciale in cui si susseguono consigli di allenatori professionisti, esercitazioni tecnico-tattiche e fisiche, miste o a secco, proposte per i più piccoli, per i portieri e per chi lavora nel mondo del calcio femminile. Ogni articolo evidenzia elementi diversi, che vogliono essere spunti su cui ogni mister deve inserire le proprie abilità e conoscenze per cucire l’abito su misura alla propria squadra, sia essa di adulti o delle fasce del settore giovanile.

Scopri di più sul numero di luglio: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo o digitale

Una situazione che si può presentare frequentemente a qualsiasi livello: come gestirle e in che modo allenarle. L’allenatore di oggi deve per forza di cose porre sempre più attenzione ai dettagli e lo studio continuo del nostro sport ha portato a un arricchimento del vocabolario calcistico e a un’analisi di tutte le diverse situazioni che possono accadere in partita.

Leggi tutto...

Davide Ancelotti e Francesco Mauri hanno individuato una settimana tipo, priva di gare infrasettimanali, nella quale è centrale l’utilizzo del pallone. Ogni giorno prevede obiettivi da raggiungere diversi, lasciando libero da sedute il primo dopo la gara. Nella prima seduta settimanale, quella denominata “secondo giorno di recupero”, i carichi di lavoro sono ancora limitati, mentre la seconda è quella nel quale è previsto il carico maggiore.

Leggi tutto...

Una serie di esercitazioni e di consigli per insegnare al proprio undici come adottare il giusto pressing in fase di non possesso, partendo dai comportamenti individuali per arrivare a quelli collettivi.

Leggi tutto...

Il calcio, come ogni sport di contatto, prevede l’uso di un’aggressività sana che spinge il calciatore a superare l’avversario. In che modo allenare questa componente caratteriale nei ragazzi e negli adulti.

In questo articolo si parlerà del necessario agonismo e della sana aggressività utili nel calcio; la premessa è che quasi tutti gli sport di situazione prevedono una motivazione di base alla lotta per superare le difficoltà prima, l’avversario poi.

Leggi tutto...

  Una strategia per bloccare e “rompere” la linea difensiva avversaria. Lo scaglionamento che ne consegue e i relativi mezzi di allenamento per la costruzione del gioco.

Leggi tutto...

La fase di finalizzazione è la massima espressione dei concetti di tecnica applicata, tattica e sviluppi tattici, e segnare una rete è una condizione necessaria per vincere le partite. Per questo, in settimana è importante preparare le condizioni situazionali per poter attaccare al meglio la porta avversaria. Bisogna considerare, in primo luogo, la zona di campo nella quale parte il nostro attacco e il modo nel quale si arriva a concludere.

Leggi tutto...

Cesare Barbieri ha presentato per noi la finale di Coppa Italia, in programma il 9 maggio alle ore 21.00 allo stadio Olimpico di Roma, che vedrà di fronte i bianconeri di Massimiliano Allegri e i rossoneri di Gennaro Gattuso.

Leggi tutto...

Speciale palle inattive
I comportamenti da adottare e alcune soluzioni utili a chi vuole difendere a zona su corner e punizioni.

Le palle inattive, in un calcio sempre più evoluto verso la ricerca e la cura di ogni singolo dettaglio, rappresentano un fondamentale obiettivo dell’attività metodologico-didattica da parte dello staff tecnico.

Leggi tutto...

Speciale palle inattive
I principi e l’organizzazione di queste situazioni in possesso palla. Alcune soluzioni pratiche e i presupposti operativi.

La rimessa laterale, prima di essere classificata come palla inattiva, è un gesto tecnico che fa parte dell’elenco dei fondamentali. È l’unico eseguito utilizzando le mani, se escludiamo chiaramente il ruolo del portiere. Pertanto, prima di pensare a intervenire sull’organizzazione tattica dell’azione relativa a questa situazione, è importante porre l’attenzione sulla tecnica propria del gesto. Ricordiamo che per regolamento una rimessa laterale non effettuata correttamente è punita con il cosiddetto “cambio”.

Leggi tutto...

Speciale palle inattive
Alcune soluzioni per sfruttare al meglio queste situazioni su palla ferma. L’importanza di studiare l’avversario e le opzioni contro chi attua una difesa a zona o una mista.

La buona riuscita di un calcio d’angolo a favore dipende da una serie di aspetti che vanno al di là della sola componente tecnico-tattica. Diviene infatti imprescindibile l’importanza dell’interazione che si deve creare tra chi calcia e chi deve concludere. Sono essenzialmente tre gli elementi determinanti:
• la qualità tecnica di chi tira il corner;
• la lettura della situazione da parte di chi conclude;
• la capacità da parte dell’allenatore e del suo staff nel proporre alla squadra movimenti validi che possano creare delle difficoltà all’avversario a seconda di come difende.

Scopri di più sul numero di aprile: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo e digitale

Dopo aver indicato sullo scorso numero come organizzare i giochi di posizione, vediamo come allenare diversi princìpi di gioco in questo tipo di proposte. Le varianti in base all’atteggiamento avversario e alle zone in cui si desidera creare superiorità.

Leggi tutto...

Speciale palle inattive
Come sfruttare al meglio queste situazioni costruendo giocate schema per liberare alcuni giocatori in area di rigore. L’utilizzo dei blocchi.
Il calcio è, per sua natura, in continua evoluzione: cambiano ininterrottamente le sue metodologie di lavoro, gli strumenti per allenare, le tecnologie per analizzare le partite e adesso, con l’introduzione del VAR, anche le procedure per far rispettare le sue regole.

Leggi tutto...

Speciale palle inattive
Cosa dicono i “numeri” di questa stagione e della scorsa in merito alle situazioni su palla ferma. Le situazioni di gioco che si creano in seguito alla concessione di un corner, di una rimessa laterale, di una punizione o di un calcio di rigore sono sempre più curate dagli allenatori, in quanto il calcio di oggi si gioca sempre di più su questi dettagli, che fanno spesso la differenza.

Leggi tutto...

Giovanni Galli ci ha trasportato nel mondo bianconero, analizzando le diverse soluzioni tattiche adottate dalla squadra torinese. L’undici di Allegri ha come punto fermo i princìpi e non gli schemi e proprio per questo il mister varia assetto tattico, senza perdere di efficacia, a seconda dell’avversario o degli uomini a disposizione.

Leggi tutto...

L’importanza del corretto utilizzo da parte dell’allenatore del “rinforzo”. Quali sono le varie tipologie, i consigli per usarlo al meglio e una scheda di autovalutazione.

In psicologia, per rinforzo si intende qualsiasi evento ritenuto in grado di aumentare la probabilità di generare una risposta. L’obiettivo di questo articolo è quello di “insinuare” nel lettore dei dubbi e la voglia di approfondire l’argomento per diventare più consapevoli dei propri obiettivi e del proprio modo di agire in ambito sportivo.

Scopri di più sul numero di marzo: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo e digitale