gennaio

  • Cari lettori, abbiamo voluto dedicare la prima uscita, copertina compresa, del 2020, quella della 30esima “stagione” della nostra rivista, al calcio femminile. Un movimento in grande espansione come lo dimostrano i numeri. Per citarne uno solo, le tesserate in Italia hanno avuto nel 2018 un incremento del 9% rispetto al 2017, aspetto che certifica un sempre maggior interesse e partecipazione.

    La novità del 2020, poi, sarà l’avvento del professionismo delle calciatrici: a dicembre infatti la Commissione Bilancio al Senato ha approvato un emendamento che agevola società e federazione al passaggio a questo nuovo status. Oltre alla copertina, quattro sono gli articoli che entrano nei dettagli della situazione attuale: si va dai numeri significativi della World Cup all’intervista a un’icona del calcio femminile italiano, Carolina Morace, con due approfondimenti sull’attivazione pre-allenamento e sulla prevenzione degli infortuni. A tal proposito, ci tengo a sottolineare che il calcio femminile non deve essere paragonato al maschile come non avviene per le altre discipline sportive. Lo sport femminile deve essere visto, giudicato e apprezzato per quello che è, senza inutili confronti.

    Con il nuovo anno abbiamo anche voluto una veste grafica più moderna per la nostra rivista perché i bei contenuti devono essere ben presentati: ringrazio quindi Edoardo Nava e l’ufficio grafico per le soluzioni ideate. Ma non abbiamo finito con le novità: prendendo liberamente spunto dalla “storica” frase di José Mourinho “Chi sa solo di calcio, non sa niente di calcio”, abbiamo preparato una rubrica nella quale sarà possibile leggere i contenuti più svariati, dalle interviste a personaggi fuori dal nostro mondo (in questo numero quella a Linus) al Best 5 (iniziamo con le cinque paure più frequenti), passando per tante altre curiosità.

    Naturalmente la mission de Il Nuovo Calcio rimane invariata: ogni allenatore, di qualunque categoria, può trovare articoli di tecnica, tattica, allenamento, metodologia, preparazione fisica, psicologia… per giovani, bambini e adulti. Tutti scritti da autori di assoluta competenza e “nome”. Infine, anche nel 2020 si terrà il nostro ormai consueto convegno, in collaborazione con la rivista Scienza&Sport, sull’allenamento nel calcio: la data da appuntare sull’agenda è quella di sabato 28 marzo. Si svolgerà a Milano presso l’Hotel Sheraton (zona San Siro). Sul prossimo numero tutte le informazioni per iscriversi e i prestigiosi relatori.

  • Il primo numero dell’anno, quello che inaugura la trentesima stagione della nostra rivista, si presenta con una grafica completamente rinnovata e con un particolare focus rivolto al calcio femminile a cui, oltre alla copertina, vengono dedicati quattro articoli che approfondiscono il tema: dai numeri significativi del Mondiale all’intervista di un’icona quale Carolina Morace, dagli esercizi di prevenzione presentati dai preparatori del Milan, Lorenzo Francini e Simona Lucarno, all’approfondimento di Davide Pisoni riguardante gli infortuni.

  • A dicembre, in un nostro speciale, abbiamo dato diverse indicazioni su come gestire la sosta invernale, che per qualcuno di voi è ancora – per poco – “in essere”. Sosta che in realtà, per la maggior parte delle squadre, è breve e non deve essere vissuta come una “seconda preparazione”. Infatti, non manca molto alla prima gara di campionato. E bisogna ripartire ancora con più entusiasmo per un girone di ritorno sicuramente decisivo. Per questo motivo vi abbiamo preparato un numero in cui chiunque può trovare qualcosa di utile a perfezionare alcuni particolariche potrebbero risultare vincenti a lungo andare.

  • In primo piano l’analisi tattica curata da Giovanni Galli, che, a pagina 6, ha indagato i mutamenti dell’undici di Spalletti. I nerazzurri hanno cambiato pelle rispetto al passato e stanno diventando una squadra moderna, ma che deve compiere ancora qualche gradino per ambire a competere con la Juventus. Un miglioramento continuo, dunque, ma che ha bisogno ancora di un po’ di lavoro. A seguire segnaliamo tre interviste estremamente interessanti e diverse tra loro.

    La prima è quella che Cesare Barbieri ha fatto a Francesco Ghirelli, che dal 6 novembre 2018 è il nuovo presidente della Lega Pro (pagina 14): ci siamo fatti raccontare i suoi piani per il futuro e le riforme in programma. Restando nella terza serie del calcio italiano, da non perdere, a pagina 28, l’intervista di Luca Bignami a Mauro Zironelli, tecnico della Juventus under 23. Il mister, alla guida della prima “seconda” squadra italiana, ci ha indicato le difficoltà incontrate, la metodologia d’allenamento e del tempo necessario per far vedere i frutti di questa nuova strada impostata.

  • Perché leggere Il Nuovo Calcio in un periodo storico in cui, con un click, si può trovare tutto su internet? Mi sono posto diverse volte questa domanda e me lo chiedo ancora adesso che siamo arrivati al prestigioso traguardo dei 300 numeri. La risposta è data sicuramente dall’obiettivo principale della rivista: promuovere la cultura e il confronto nel mondo del calcio grazie ad articoli dai contenuti certificati, scritti da autori competenti, che si mettono in gioco e provano a illustrare il loro modo di intendere e proporre calcio.

  • Il direttore de Il Nuovo Calcio Ferretto Ferretti presenta il numero di gennaio, in edicola. Gli articoli da non perdere, gli approfondimenti e i prossimi appuntamenti da segnare in calendario.

  • Con il numero di gennaio la rivista raggiunge un traguardo importante: si tratta infatti del numero 300. Cesare Barbieri, a partire da pagina 8, ha ripercorso la storia della rivista, dei 9.831 giorni trascorsi dal numero 1, attraverso i pensieri dei protagonisti di tutti questi anni. L’attenzione si sposta poi sulla Serie A, con l’intervista al tecnico della Roma Eusebio Di Francesco (pagina 30), che, rispondendo alle domande di Luca Bignami, ci ha indicato la sua idea di calcio e alcune proposte da campo. Vanni Sartini ha poi analizzato le differenti filosofie di attacco (pagina 42), indicando tre filoni diversi, confrontando le soluzioni adottate da Manchester City, Chelsea e Napoli.

    La fase di non possesso è invece il focus dello scritto di Max Canzi, che ha indicato le soluzioni da adottare se si utilizza una difesa dispari (pagina 48). Da non perdere, a partire da pagina 60, la seconda parte dello speciale sull’allenamento della forza, in cui i nostri esperti analizzano il training di forza dal punto di vista prestativo e preventivo, con attenzione ai giovani e alle donne, nonché agli strumenti da campo da utilizzare. Per l’attività di base, vi rimandiamo all’articolo di Andrea Biffi che si è soffermato sull’arte del duello, indicando i metodi di allenamento per le tricks e l’importanza di lasciare una certa libertà operativa agli allievi (pagina102). Infine, da non perdere l’intervista al tecnico dell’Atalanta Mozzanica, Serie A femminile, Elio Garavaglia, di Teresa Paolopoli (pagina 54). 

  • I contenuti del numero di gennaio:

    La nostra storia -  300 NUMERI Ripercorriamo la storia della nostra rivista attraverso i pensieri di chi l’ha ideata, di chi ha scritto nel lontano 1991, di chi ha contribuito alla sua evoluzione nel corso del tempo ed è… cresciuto con lei. (Cesare Barbieri. Hanno collaborato Luca Bignami e Andrea Gerardi) 

    Tattica - PRIMA DELLA TATTICA - La situazione del Milan passato da Montella a Gattuso: i perché di un momento difficile per il club rossonero. L’importanza di società, delle scelte e di giocatori con caratteristiche complementari (Giovanni Galli)

  • La desideriamo davvero tutti! Questo è l’augurio più bello per il 2021. Con la speranza di ritrovarci insieme su un campo, in terra battuta o in erba perfettamente rasata che sia. Non importa. Vogliamo tutti allenarci liberamente senza alcun distanziamento. Esultare per una rete. Abbracciarci. Sì, proprio questo chiediamo al nuovo anno. Chiediamo di riportarci le cose semplici, quelle che davamo per scontate, ma che la pandemia ha fatto sembrare una chimera.

    Il 2021, calcisticamente parlando, sarà poi un anno pieno di appuntamenti: come avete visto in copertina, vi saranno gli Europei posticipati a causa del Coronavirus. Subito dopo, a ottobre, la fase finale della Nation League, che ci vedrà protagonisti come Nazionale (semifinale contro la Spagna, l’altra si giocherà tra Belgio e Francia) e nazione, si scenderà in campo a San Siro e allo Juventus Stadium. Nel mezzo le Olimpiadi, che per qualsiasi appassionato di sport sono l’evento per eccellenza, quello da non perdere. Senza dimenticare la Serie A, la Champions con 3 italiane agli ottavi. E altre tre ai sedicesimi di Europa League. Insomma, il calcio dei “grandi” presenta tanti argomenti di discussione, mentre quello di dilettanti e giovani non vede l’ora di rimettersi in moto, con allenamenti e partite in sicurezza. La sicurezza che dovrebbe darci il vaccino! Con la speranza che un anno come il 2020 non torni mai più.

Magazine in Edicola