palle inattive

  • Allenamento adulti. Palle inattive
    Quando si parla di campionati dilettantistici capita spesso che tra una domenica e l’altra i titolari di una squadra siano differenti. E questo può causare problemi sulle palle inattive, ad esempio nel riconoscimento dei compiti o nel cambio di ruoli. Quindi è necessario trovare le modalità ideali per allenare tutti i giocatori a prescindere dalla posizione che ricoprono in campo.

  • Sul numero di novembre insieme ad Alberto Nabiuzzi anticipiamo un tema che svilupperemo in modo più ampio e articolato sulla gestione delle situazioni di palla inattiva coi giovani calciatori.
     
    "L’esclusività mi ha incuriosito a voler approfondire questo vasto argomento -spiega Nabiuzzi - Attraverso lo studio e l’analisi ho avuto modo di poter sviscerare il tema palle inattive, con l’intento di condividere delle considerazioni che possano essere un punto di partenza per noi allenatori. Questo articolo è solo una parte di quello che poi potrete trovare all’interno del sesto libro della collana i Tattici de Il Nuovo Calcio “I calci piazzati" in uscita nelle prossime settimane. 
    Nel contenuto che troverete questo mese affronto il tema attraverso concetti e proposte pratiche trasversali, dai più piccoli fino agli adulti, per mostrarvi come si può inserire all’interno delle nostre sedute”.
  • Speciale palle inattive
    Alcune soluzioni per sfruttare al meglio queste situazioni su palla ferma. L’importanza di studiare l’avversario e le opzioni contro chi attua una difesa a zona o una mista.

    La buona riuscita di un calcio d’angolo a favore dipende da una serie di aspetti che vanno al di là della sola componente tecnico-tattica. Diviene infatti imprescindibile l’importanza dell’interazione che si deve creare tra chi calcia e chi deve concludere. Sono essenzialmente tre gli elementi determinanti:
    • la qualità tecnica di chi tira il corner;
    • la lettura della situazione da parte di chi conclude;
    • la capacità da parte dell’allenatore e del suo staff nel proporre alla squadra movimenti validi che possano creare delle difficoltà all’avversario a seconda di come difende.

    Scopri di più sul numero di aprile: in edicola e disponibile anche attraverso abbonamento cartaceo e digitale

  • Come provare a utilizzare una giocata alquanto comune nel basket sulle rimesse laterali. Di cosa si tratta e alcune soluzioni.

    Un gesto tecnico-tattico abbandonato. Il più delle volte dimenticato. È così che mi piace introdurre questo articolo, con un po’ di malinconia, perché l’obiettivo finale al termine di questo scritto è quello di riportare alla luce una situazione di palla inattiva che merita spazio in qualsiasi categoria: la rimessa laterale!

  • Le soluzioni su palla ferma, siano esse punizioni centrali o laterali, direttamente calciate a rete oppure battute verso zone prestabilite, calci d’angolo e rimesse laterali sono spesso decisive per la realizzazione di una rete. Se includiamo anche i tiri dal dischetto, in questa stagione quasi un terzo dei gol sono avvenuti in questo modo.

  • Speciale palle inattive
    I principi e l’organizzazione di queste situazioni in possesso palla. Alcune soluzioni pratiche e i presupposti operativi.

    La rimessa laterale, prima di essere classificata come palla inattiva, è un gesto tecnico che fa parte dell’elenco dei fondamentali. È l’unico eseguito utilizzando le mani, se escludiamo chiaramente il ruolo del portiere. Pertanto, prima di pensare a intervenire sull’organizzazione tattica dell’azione relativa a questa situazione, è importante porre l’attenzione sulla tecnica propria del gesto. Ricordiamo che per regolamento una rimessa laterale non effettuata correttamente è punita con il cosiddetto “cambio”.

  • Speciale palle inattive
    Cosa dicono i “numeri” di questa stagione e della scorsa in merito alle situazioni su palla ferma. Le situazioni di gioco che si creano in seguito alla concessione di un corner, di una rimessa laterale, di una punizione o di un calcio di rigore sono sempre più curate dagli allenatori, in quanto il calcio di oggi si gioca sempre di più su questi dettagli, che fanno spesso la differenza.

  • Speciale palle inattive
    Come sfruttare al meglio queste situazioni costruendo giocate schema per liberare alcuni giocatori in area di rigore. L’utilizzo dei blocchi.
    Il calcio è, per sua natura, in continua evoluzione: cambiano ininterrottamente le sue metodologie di lavoro, gli strumenti per allenare, le tecnologie per analizzare le partite e adesso, con l’introduzione del VAR, anche le procedure per far rispettare le sue regole.

  • Gli schemi da palla ferma più interessanti sfruttati da squadre della nostra serie A e B.

  • Quali attenzioni avere per difendere su palla ferma, in particolar modo su corner e punizioni laterali.

  • Quello che dicono le statistiche in riferimento alle reti realizzate e subite su situazioni di palla inattiva, con dati relativi alla stagione corrente e a quella appena passata.

  • Abbiamo ascoltato il parere di sei allenatori professionisti che ci hanno offerto indicazioni e spunti di riflessione per preparare e allenare al meglio i calci piazzati in attacco.

Magazine in Edicola